L'assessore Cecila Cavaterra

Ieri c’è stata l’ormai tradizionale giornata delle associazioni saronnesi, che da 13 anni coinvolge molte delle persone che dedicano il loro tempo ad attività sociali, sportive e di volontariato nella nostra città. Il centro era pieno di banchetti e stand per un totale di oltre 130 associazioni. Una vera, inestimabile risorsa che il Comune ha il dovere e la necessità di coinvolgere il più possibile nel tentativo di rendere Saronno una città viva, ricca di momenti sociali, sicura.

Noi di Tu@Saronno abbiamo ricevuto dal sindaco, attraverso l’assessorato cultura, sport e politiche giovanili, il difficile, stimolante e importantissimo compito di fare da tramite tra l’amministrazione comunale e questo variopinto e ricchissimo mondo. Per questo, ieri, durante il discorso delle autorità, alla voce di Luciano Porro si è affiancata quella di Cecilia Cavaterra, assessore titolare delle deleghe di cui sopra, che ha pronunciato il suo primo discorso pubblico, che riporto qua sotto in versione più o meno integrale.

A Cecila il mio personale in bocca al lupo perché questo sia il primo atto ufficiale di cinque anni di crescita e lavoro nell’interesse unico della cittadinanza e di tutte quelle persone che, gratuitamente, prestano la propria opera per rendere Saronno un posto migliore in cui vivere.

L’intervento di Cecilia:

“Care cittadine e cittadini di Saronno, sono molto contenta di incontrarvi per la prima volta in qualita’ di assessore della neonata giunta in una occasione cosi’ festosa e ricca di eventi, di musica, di storia, di esperienze di vita. Con riferimento all’assessorato che ricopro, non poteva esserci occasione migliore per conoscerci.

Oggi celebriamo la Festa delle associazioni. Quella odierna e’ la 13ma edizione, possiamo quindi affermare a ragione che questa Festa e’ ormai entrata nelle tradizioni della nostra citta’. La varieta’ delle associazioni Saronnesi e la loro presenza continua sul territorio sono la dimostrazione che il mondo delle associazioni di Saronno e’ vitale, pieno di fantasia e affezionato ad un’idea di città fondata sul piacere dello stare insieme, dell’arricchimento culturale e della cooperazione.

Approfitto quindi di questa occasione per chidere aiuto a tutti voi, associazioni e cittadi ni, perche’ io riesca a svolgere al meglio il compito che il Sindaco Luciano Porro ha voluto affidarmi con molto coraggio da parte sua ed io accettare con molto entusiasmo e un pizzico di incoscienza, perche’ questa e’ la mia prima esperienza nel governo della citta’. Uno dei miei obiettivi sara’ proprio quello di ascoltare il mondo delle associazioni,le piu’ immediate interpreti dei bisogni e dei desideri dei cittadini, e di contribuire alla creazione di una rete che permetta di sfruttare al meglio le potenzialita’ del lavoro svolto da tutti voi.

Un altro tema che mi sta molto a cuore e’ il coinvolgimento dei giovani nel processo di rinnovamento della citta’ di Saronno. Chiamo quindi a raccolta tutti i giovani saronnesi. Non abbiate timore a partecipare, ad incontrarvi, ad associarvi, a governare.
Prima ho parlato di coraggio e di incoscienza. Il bambino che muove i primi passi, l’alpinista che raggiunge una cima inviolata, l’astronauta che arriva sulla luna: senza coraggio e incoscienza non sarebbero andati da nessuna parte.

Vi auguro una bellissima giornata, che sia ricca di incontri.”

Annunci